Le lingue: la mia passione
Il progetto del blog
18 Febbraio 2018
I livelli linguistici:
come valutare le proprie conoscenze linguistiche
23 Aprile 2018
Show all

Le flashcards
un metodo facile e infallibile per migliorare l’apprendimento di una lingua straniera!

I nsegno inglese ad adulti e bambini da oltre dieci anni e mi sono resa conto che la difficoltà principale che incontrano tutti gli studenti, più o meno giovani e con la mente più o meno libera ed allenata, consiste nel memorizzare nuove parole.
Per imparare bene una lingua è sicuramente vero che la grammatica e la costruzione sintattica del discorso sono importanti, ma sicuramente la conoscenza di una vasta gamma di vocaboli è davvero decisiva.

D’ altro canto penso che tutti concorderanno sul fatto che quando si hanno conoscenze ancor limitate nella lingua straniera molte parole o non vengono in mente quando servono o proprio non si conoscono e questo crea difficoltà nell’espressione orale, poiché non si dispone di nessun tipo di ausilio, dal dizionario ai glossari, e ci si sente impacciati perché la situazione stessa richiede maggiore fluidità e velocità nella creazione delle frasi rispetto alla stesura di un testo scritto oltre al problema, a volte non trascurabile, di dover fare attenzione anche alla pronuncia.

Vorrei quindi darvi un consiglio per memorizzare un ampio numero di parole nuove in maniera sistematica.

Le flashcards sono un validissimo strumento. Vediamo bene in cosa consistono e come possono essere utilizzate efficacemente per l’apprendimento di adulti e bambini.

Una flashcard è una scheda di carta o cartoncino di dimensioni variabili (indicativamente come una carta da gioco per un utilizzo individuale o più grande per i gruppi di studenti affinché sia più visibile).



S i possono utilizzare anche altri supporti, come i bastoncini di legno per il gelato su cui scrivere con un pennarello indelebile. Vediamo come realizzare le flashcards e come utilizzarle:

  • 1. Su un lato della scheda viene scritta la parola nella lingua straniera e sul retro la traduzione in italiano. Per i bambini invece la scheda potrà essere correlata da un’immagine raffigurante la parola stessa in modo che il bambino riesca ad associarla anche alla grafia della parola oppure si potrà decidere di creare due schede separando l’immagine dalla parola nella lingua straniera per poterle poi associare. Nel caso di bambini in età prescolare o che non sanno leggere l’inglese è importante che questo esercizio venga fatto con l’ausilio dell’insegnante che pronuncerà in maniera corretta le parole relative all’immagine indicata sulla flashcard per permetterne la memorizzazione controllando poi che esse vengano pronunciate correttamente dal bambino. Potete decidere di creare una serie di flashcards per diverse categorie di parole, inclusi i verbi.

  • 2. In un primo tempo bisogna passare in rassegna tutte le parole memorizzandole unitamente alla loro traduzione sul retro o all’immagine associata. È fondamentale prestare molta attenzione alla pronuncia della parola; se fate questo esercizio da soli è importante che controlliate la pronuncia di ogni parola leggendone la trascrizione fonetica, se avete dimestichezza con questo metodo, o semplicemente ascoltandone la pronuncia (ad esempio su www.wordreference.com, cliccando “listen” accanto alla parola in questione). Si può anche pensare di costruire delle frasi che permettano di inserire la parola in un contesto facilitando così l’esercizio mnemonico. Nel caso in cui la parola sia separata dall’immagine in una prima fase le due parti della scheda dovranno essere associate.

  • 3. In un secondo tempo bisognerà guardare soltanto l’immagine o la traduzione della parola sul retro della carta per poi ricordarsi della parola nella lingua straniera e pronunciarla ad alta voce, controllando poi sulla carta. Si potrà anche fare lo spelling della parola a voce alta. Se si incontrano difficoltà si consiglia di fare l’esercizio al contrario, cioè partendo dalla parola nella lingua straniera per ricordarsi del suo significato in italiano. Se le due parti della scheda sono separate si può anche pensare di girare soltanto il piccolo cartoncino con la parola scritta ricordandosi dell’immagine associata e viceversa.


  • 4. Man mano che si cercherà di ricordare le parole e verranno girate le carte per verificarle, bisognerà costituire due mucchietti di carte: da una parte andranno tutte le carte di cui ci ricordava la parola e dall’altra tutte quelle contenenti parole sbagliate o non memorizzate.


  • 5. Si passeranno quindi in rassegna ancora una volta le carte di questo secondo mucchietto ripetendo l’esercizio fino a ricordarle tutte.


T utte le parole imparate andranno poi riviste nel tempo, con cadenza regolare, proprio per fissarle nella memoria in maniera indelebile e riutilizzarle ogni volta che serviranno in un contesto appropriato. Nelle immagini vedete alcuni esempi di flashcards da me utilizzate.
Spero che questo metodo vi aiuti a migliorare l’apprendimento delle lingue straniere e a memorizzare tantissime parole.

Have fun!

PROFILO

La titolare, Ylenia Marcucci Faure, è madrelingua italiana con una padronanza bilingue dell’inglese e del francese e buone conoscenze di tedesco...

LEGGI TUTTO